(Articolo pubblicato originariamente su Citywire Italia)

Perchè ha scelto la professione del Consulente Finanziario e come vede il mondo della consulenza finanziaria. L'intervista alla Dott.ssa Laura Tarantino, Consulente Finanziario di Copernico SIM.

Perchè ha scelto questa professione?

Il mondo della finanza mi ha sempre affascinato. Ricordo ancora quando da piccola cercavo risposte su tutti quei numeri quando si parlava di Borsa al telegiornale. Oggi capisco anche il perché: in Italia l’educazione finanziaria è pressoché assente. Tutto questo ha fortemente inciso sul mio percorso di studi. Mi sono laureata in economia con master in quantitative finance. Dopo aver iniziato la carriera da analista finanziario, mi sono resa conto di non voler solo studiare i mercati e gli strumenti: volevo diventare una guida per i miei assistiti, pianificando la loro vita dal punto di vista finanziario e andando a scegliere i migliori strumenti in base alle loro esigenze.

Come si vede tra dieci anni?

Pur vedendomi come perno centrale nella relazione con i miei clienti, sarà importante saper creare sinergie con altri professionisti per poter rispondere a un mercato ed esigenze sempre più complesse.

Come immagina il mondo della consulenza finanziaria nel 2030?

Il mondo dei consulenti subirà un ricambio generazionale. I nuovi consulenti avranno una preparazione accademica superiore e verrà migliorata la cultura finanziaria italiana. Tutto questo spingerà le persone verso un tipo di consulenza sempre più indipendente.